Pakistan

Il rapimento dei genitori è legale

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
Share on print
Print

Sommario

introduzione

sfondo

Il Pakistan continua a non proteggere i suoi bambini. Secondo a rapporto, ben 3832 bambini hanno subito abusi sessuali in Pakistan nel 2018, un aumento dell’11% rispetto all’anno precedente. Questa tendenza, tuttavia, è “ migliorata ” in termini relativi nel 2019. Anche dopo questo cosiddetto miglioramento, ben otto bambini hanno subito abusi sessuali ogni giorno. Altri diritti dell’infanzia abuI casi segnalati nel 2018 includono 778 rapimenti, 405 bambini scomparsi, 348 casi di sodomia, 279 casi di stupro, 210 tentato stupro, 205 sodomia di gruppo, 115 stupri di gruppo e 104 casi di matrimonio precoce. Il i numeri reali sono probabilmente molto più alti poiché per molte ragioni questi abusi spesso non vengono denunciati alla polizia.

Non c’è mai stato un sistema adeguato per rispondere agli incidenti di bambini scomparsi in Pakistan. Tuttavia, un incidente nel 2018 ha risvegliato la coscienza nazionale quando una bambina di sei anni, Zainab , è stato rapito prima di essere violentato e assassinato nel sobborgo di Lahore.

Tuttavia, l’incidente di Zainab è la punta dell’iceberg. Ogni anno migliaia di bambini scompaiono, per lo più rapiti da estranei, e sebbene avvengano anche rapimenti da parte dei genitori, quest’ultimo non è considerato un crimine in Pakistan. Poiché non si tratta di un crimine, in Pakistan non sono disponibili dati sistematici sulla questione.

Richiedere un'azione

Il rapimento da parte dei genitori deve essere criminalizzato.

Sia il governo locale che quello nazionale devono diffondere più consapevolezza sulla sottrazione dei genitori e sui suoi effetti sui bambini. Questo non può continuare a essere considerato una questione familiare in cui nessuno dovrebbe intervenire.

I tribunali familiari devono farlo accelerare le procedure di divorzio e creare un ambiente più amichevole durante questi procedimenti per incoraggiare la co-genitorialità e un risultato positivo per i bambini. L’affidamento condiviso dovrebbe essere l’impostazione predefinita.

La legislazione che renda il rapimento dei genitori un crimine deve essere approvata. Il governo deve farlo sviluppare misure preventive contro la sottrazione dei genitori – come richiedere a entrambi i genitori di richiedere un passaporto minore o avviare un sistema per allertare le autorità di frontiera.

Diritto di famiglia

Le questioni familiari, compreso il divorzio e l’affidamento dei figli, sono generalmente considerate questioni personali. Molte persone in Pakistan non cercano rimedi legali perché non si rendono conto che ce n’è uno a loro disposizione. Il governo, sia federale che provinciale, dovrebbe sensibilizzare le masse sul rapimento dei genitori e sui suoi effetti sul minore. Diversi studi affermano che il divorzio colpisce il bambino, causandogli un trauma fisico o mentale e rendendolo più vulnerabile. In Pakistan sono necessarie ulteriori ricerche per vedere gli effetti dei divorzi e delle successive faide per l’affidamento del bambino che si svolgono tra i genitori.

L’aumento del tasso di divorzi in Pakistan ha visto un aumento sostanziale delle battaglie per l’affidamento dei figli. Mentre le coppie che si separano cercano la loro pace dal risultato, il bambino deve sopportare il peso maggiore degli effetti di una famiglia distrutta. Secondo un esperto legale Muhammad Abuzar Gul, gli abusi sui minori in Pakistan hanno in parte a che fare con la povertà e in parte con le vulnerabilità che lui o lei eredita da una famiglia distrutta. Fahad Ahmad Siddiqi, un altro professionista legale, condivide la sua esperienza professionale con le seguenti parole: “un numero enorme di questi bambini soffre di problemi di personalità, tratti antisociali e atti criminali, inclusa la tossicodipendenza”.

Considerando gli effetti negativi che la procedura di divorzio ritardata potrebbe avere sul bambino, il governo dovrebbe legiferare, obbligando i tribunali di famiglia ad accelerare le questioni relative alle coppie che si separano. Inoltre, il governo dovrebbe anche emanare leggi più severe volte ad affrontare la questione del rapimento dei genitori. La legge attualmente obbliga il padre a pagare un canone mensile fisso per ogni figlio indipendentemente dal suo reddito. Il governo dovrebbe rivedere anche questa politica e invece assicurarsi che la quota dovrebbe essere basata sullo stato sociale del padre o essere pagata dal governo alla madre come sostegno ai figli.

Anche se Il Pakistan ha aderito alla Convenzione dell’Aia sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori nel 2017, non vi è stata alcuna legislazione in parlamento per affrontare la questione. Nel caso in cui un genitore pakistano rimuova o trattiene il figlio da un altro genitore entro i confini del Pakistan, il genitore colpito può cercare un rimedio legale per la custodia del bambino dopo il divorzio o la separazione ai sensi del The Guardian’s and Wards Act 1890.

I tribunali hanno il potere, ai sensi del 491 CrPC (Codice di procedura penale, 1898) e dell’articolo 199 della Costituzione, di avviare procedimenti e decidere le questioni in questi casi. La considerazione principale del tribunale è il benessere del bambino. Mentre decidono i casi di affidamento dei figli, i tribunali pakistani cercano tradizionalmente di determinare a quale genitore dovrebbe essere concessa la custodia del minore. Molto spesso, a un genitore viene concessa la custodia del figlio a spese dell’altro. Non esiste il concetto di affidamento condiviso tra genitori che divorziano. La situazione che ne deriva di solito causa battaglie per l’affidamento, che possono facilmente portare all’alienazione dei genitori. Tuttavia, a causa dei valori conservatori e delle pressioni religiose che considerano il rapporto genitore-figlio una questione completamente privata, il governo non è incline a spingere per il cambiamento.

Fino a poco tempo fa, affidamento condiviso era stata un’idea straniera in Pakistan. Ma negli ultimi anni, il concetto è stato progressivamente introdotto dalla Corte Suprema attraverso i suoi giudizi. In precedenza, il genitore non affidatario aveva poche ore di visita in un mese. Ma seguendo le indicazioni della corte suprema, i diritti di visita del padre sono stati estesi. Ora, il padre può avere il bambino in due fine settimana (dal venerdì alla domenica) ogni mese; nei compleanni, per uno o due giorni; e in due feste di Eid per alcuni giorni. Oltre al cambiamento del comportamento nazionale nei confronti dei diritti dell’infanzia, negli ultimi anni il Pakistan ha assistito al progresso verso il benessere dell’infanzia poiché è diventato parte dell’organismo internazionale che lavora per il recupero dei bambini rapiti all’estero.

Rapimento dei genitori

Domestico C’è nessuno studio sistematico o dati disponibili sul rapimento dei genitori in Pakistan. La ragione principale della scarsità di dati è principalmente dovuta al fatto che la sottrazione dei genitori non è percepita nel modo in cui è intesa in occidente. Fino a poco tempo, è stato un file concetto alieno nel tradizionale paese dominato dai musulmani. Anche i tribunali hanno respinto il concetto. Nel 2001, l’Alta Corte di Lahore ha deciso in a giudizio che “il padre del bambino è sempre un tutore naturale insieme alla madre. Non può mai essere ascritto o attribuito il reato di rapimento del proprio figlio … l’unico ostacolo posto al diritto del padre alla custodia del figlio è che quando prende il bambino dalla custodia della madre per uno scopo riconosciuto dalla legge come immorale o illegale, in una tale situazione l’allontanamento del minore costituirebbe un reato. ”

Tuttavia, il tribunale ha l’autorità ultima per decidere in tali casi, dall’ordinare la nascita del bambino davanti a lui per concedere l’affidamento al padre o alla madre e ordinare la detenzione o la punizione del genitore colpevole. Dopo un divorzio in Pakistan, l’affidamento è per lo più concesso alla madree la coppia che si separa è guidata a cercare un rimedio legale attraverso i tribunali della famiglia. I rispettivi tribunali dovrebbero decidere in base a una legge sulla custodia dei figli, che, secondo gli esperti legali, ha molte aree grigie. Rapimento internazionale dei genitori Nel 2016, il Pakistan ha firmato lo strumento di adesione alla Convenzione dell’Aia sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori. Prima di allora, non c’era un meccanismo adeguato per i genitori internazionali per cercare rimedi sistematici contro il trasferimento del bambino in Pakistan.

Sfortunatamente, non ci sono statistiche di base su tale sottrazione transnazionale di minori da parte di un genitore, fatta eccezione per i dati tra Pakistan e Regno Unito. Secondo i dati esistenti, occasionalmente si è scoperto che i genitori pakistani (di solito il padre) allontanavano o trattenevano il bambino per “motivi morali”. Nel gennaio 2003, i tribunali superiori del Pakistan e le autorità britanniche hanno firmato il Protocollo Regno Unito-Pakistan , un meccanismo volto a trattare le questioni relative alla sottrazione dei genitori cercando un sicuro ritorno del minore rapito nel suo paese abituale.

Più recentemente, il trasferimento forzato dei bambini in Pakistan è diventato una delle principali preoccupazioni per il genitore transnazionale. Il tendenza ha visto un aumento negli anni come risultato di matrimoni multiculturali e multinazionali, sempre più pakistani (di solito maschi) emigrarono nei paesi occidentali per un futuro migliore. A causa di un più alto tasso di divorzi in tali matrimoni, la separazione porta a un successivo aumento della sottrazione transnazionale di minori da parte di un genitore .

Prima dell’adesione formale del Pakistan alla Convenzione dell’Aia nel 2017, la legge del paese consentiva a un genitore legale di portare o portare fuori un bambino in un altro paese senza il consenso dell’altro genitore legale se l’intenzione non è in malafede. Tali controversie sono state trattate come questioni di custodia e non rapimento. La maggior parte di queste controversie lo erano segnalato in relazione ai pakistani che vivono nel Regno Unito. Nel 2008 in Gran Bretagna sono stati segnalati ben 11 casi di allontanamento forzato in Pakistan. Tra aprile 2009 e marzo 2010 sono stati segnalati circa 24 casi e nel 2011 sono stati registrati 55 casi.

Fino a poco tempo, il rimedio legale disponibile per un genitore colpito per richiedere la custodia del genitore pakistano rapito era l’articolo 199 della Costituzione del Pakistan. Secondo un avvocato della Corte Suprema, “nel caso in cui un genitore straniero (spesso una madre) chieda il rimedio giudiziario dopo che il genitore pakistano ha rapito o trattenuto il bambino, può farlo ai sensi dell’articolo 199 della Costituzione del Pakistan. Il tribunale stabilirà se la detenzione è legale o meno dopo aver recuperato il bambino dall’imputato. “

Il tribunale può nominare gli ufficiali del tribunale, la polizia o qualsiasi autorità che ritenga appropriata per il recupero del minore.

Alienazione genitoriale

Le leggi sulla custodia dei bambini in Pakistan richiedono una riforma poiché incoraggiano indirettamente alienazione genitoriale. La precedenza attuale significa che se il bambino è un ragazzo minorenne, la madre avrà l’affidamento se ha meno di sette anni; e la ragazza, finché non raggiunge la pubertà. Il padre non può essere affidato in questi casi. Se la madre non è ritenuta idonea a prendersi cura del bambino o muore, spesso l’affidamento viene concesso alla nonna materna del bambino anziché al padre.

Nei casi di madre non musulmana sposata con un uomo pakistano, la custodia di solito va al padre. Questo può anche essere il caso di una madre straniera ma musulmana che vuole tornare in un paese non musulmano: il tribunale può decidere che l’ambiente in cui il bambino sarebbe cresciuto non è favorevole all’Islam e l’affidamento concesso al padre. Alle madri viene sempre garantita la custodia dei bambini nati fuori dal matrimonio.

Ai genitori non affidatari viene spesso concesso un tempo molto limitato con i propri figli – solo due ore al mese. Ciò può significare che il bambino cresce senza che il genitore non affidatario sia molto presente nella sua vita. È possibile per un genitore affidatario limitare ulteriormente l’interazione con il genitore non affidatario producendo certificati medici falsi. Nel frattempo, il genitore affidatario potrebbe avere tutto il tempo del mondo per fare il lavaggio del cervello ai bei ricordi del bambino associati al genitore non affidatario. Tende a creare un sentimento nella mente di un bambino per il genitore distante chiamato Sindrome da alienazione genitoriale.

Sono disponibili pochi dati e informazioni sul quadro reale dell’alienazione genitoriale in Pakistan.

Prevenzione

Poiché non esistono misure preventive governative in Pakistan, si consiglia ai genitori preoccupati per il rapimento dei genitori:

  • – Inizia a raccogliere informazioni sul bambino e sul genitore che ha rapito / trattenuto che possono essere utili in un secondo momento come nome, data di nascita, nazionalità, descrizione fisica, ecc.
  • – Assicurati di avere copie di documenti importanti come certificati di nascita e certificati di matrimonio.
  • – Conserva copie di qualsiasi comunicazione tra te e l’altro genitore condotta tramite e-mail, messaggio di testo o qualsiasi tipo di messaggistica istantanea. Queste conversazioni potrebbero essere utilizzate come prove, se necessario.
  • – Se possibile, mantenere aperti canali di comunicazione con l’altro genitore e con i membri della sua famiglia.

Bambino scomparso

  • Se sospetti che tuo figlio sia stato rapito o rapito, chiama la polizia al numero di emergenza componendo 15.
  • Denuncia immediatamente il bambino scomparso Zainab Alert App , un recente lanciato app del governo federale che è stata integrata con gli agenti di polizia distrettuale in tutto il paese.
  • Nel caso in cui sospetti un rapimento internazionale da parte di un genitore, puoi visitare il sito dell’Agenzia investigativa federale http://www.fia.gov.pk/en/contact.php e registra il tuo reclamo chiamando i numeri pertinenti forniti sul sito.
  • Contatta il tuo avvocato. È possibile trovare un elenco di avvocati di lingua inglese in Pakistan Qui. Puoi anche contattare il Pakistan Lawyers Foundation – un’organizzazione senza scopo di lucro che fornisce rappresentanza legale a coloro che non possono permettersela nei settori dei diritti umani, dei diritti delle donne e dello Stato di diritto.
  • Se sospetti il rapimento di un genitore, puoi presentare un caso alla famiglia o al tribunale civile. Se un genitore pakistano ignora gli ordini del tribunale ai sensi Sezione 491 del CrPC o le sezioni 7 e 25 del Guardian and Wards Act, il tribunale può ordinare l’arresto e la detenzione del genitore colpevole.
  • Puoi anche segnalare i tuoi bambini scomparsi tramite la linea di assistenza del Ministero dei diritti umani, 1099, o visitare il loro sito web per ulteriore assistenza.
  • Se tuo figlio è stato rapito in un paese che ha firmato la Convenzione dell’Aia, puoi presentare una domanda chiedendo il ritorno del minore in Pakistan o richiedere l’accesso al minore. Puoi chiamare il 1099 o visitare il Ministero dei diritti umani ‘ sito web per ulteriore assistenza.
  • Se sei un cittadino del Regno Unito o tuo figlio è stato rapito dal Regno Unito, puoi prendere misure specifiche nell’ambito del protocollo Regno Unito-Pakistan.

Credito e contributo

Dichiarazione di non responsabilità legale

I materiali disponibili su questo sito web sono solo a scopo informativo e non allo scopo di fornire consulenza legale. È necessario contattare il proprio avvocato per ottenere consigli in merito a qualsiasi problema o problema particolare.

Aiutaci a migliorare questa pagina!

Abbiamo perso dati o informazioni importanti? Hai qualche suggerimento su come rendere più utile questa pagina? Fateci sapere come!