Le Olimpiadi di
TRAFFICO DI BAMBINI

CONDIVIDERE

3 milioni di bambini giapponesi crescono senza un genitore disposto e capace a causa delle ridicole e corrotte leggi giapponesi sulla custodia dei bambini.

Dite al Comitato Olimpico Internazionale, ai suoi sponsor e ai vostri capi di governo che devono difendere i diritti dei bambini giapponesi. Firma oggi la petizione!

Si stima che ogni anno da 150.000 a 200.000 bambini giapponesi perdano l'accesso a un genitore. Dal 1991, si tratta di un totale di 3.000.000 di bambini che hanno perso l'accesso a un genitore, ovvero il 20% di tutti i bambini in Giappone. Sebbene il rapimento internazionale da parte di un genitore di bambini giapponesi nati da un genitore giapponese e straniero sia maggiormente mostrato dai media, la realtà è che la stragrande maggioranza di questi 3.000.000 di bambini sono nati da due genitori giapponesi.

Questi bambini sono vittime del sistema familiare corrotto del Giappone in cui i genitori sono consigliati su come rapire i loro figli, gli avvocati guadagnano un sacco di soldi con l'affidamento unico e i giudici ritengono che i bambini non ne saranno affatto colpiti se uno dei loro genitori scompare improvvisamente da la vita del bambino. Gli avvocati che sottraggono denaro ai genitori che sono stati privati dei loro figli sono naturalmente forti oppositori di qualsiasi riforma della legge giapponese sull'affidamento unico perché significherebbe meno soldi nelle loro tasche.

In definitiva, sono i bambini a soffrire maggiormente a causa delle leggi giapponesi sull'affidamento unico. Gli effetti socio-economici e psicologici che ciò ha su questi bambini sono significativi e spesso li seguono per il resto della loro vita.

La legge giapponese sull'affidamento unico viola i diritti umani fondamentali dei bambini giapponesi ed è contraria al superiore interesse di un bambino. È inaccettabile che la comunità legale e giudiziaria giapponese tragga vantaggio finanziario dalle sofferenze di bambini innocenti.

“Anche se non puoi vedere i tuoi figli, puoi essere un padre 'figo' se lavori molto più duramente per inviare più assegni familiari per far uscire i tuoi figli dalla povertà. Se invierai denaro, i tuoi figli faranno affidamento su di te quando cresceranno. Cerca di creare una relazione con i tuoi figli che duri per tutta la vita.

Advice from a prominent so-called human rights lawyer to a father whose child was abducted. Tweet questo

Il traffico di bambini in Giappone in cifre

3,000,000 +

Quasi il 20% dei bambini ha negato l'accesso a un genitore

56%

Tasso di povertà infantile per le famiglie monoparentali

499+

bambini sono morti per suicidio nel 2020

2,172

minori vittime di abusi sui minori

Il lato destro è 海 瑠 Kairu (12 anni) e il lato sinistro è 紫晶 Shiaru (7 anni), Separato dal 2020/2/13. Inviato a FMP tramite Twitter.

Legge sull'affidamento unico

Non esiste l'affidamento congiunto in Giappone a meno che i genitori non acconsentano da soli. Quindi, per quasi tutti i divorzi, un genitore ottiene l'affidamento completo e l'altro genitore può vedere i figli solo con il consenso del genitore affidatario.

L'altro genitore - che è il padre l'80% delle volte - non ha il diritto legale di contattare o visitare il bambino. Non è raro che l'altro genitore non riveda mai più suo figlio. Il genitore affidatario ha il pieno controllo delle decisioni di affidamento e può accettare la co-genitorialità, ma non è tenuto a farlo in alcun modo. Questo rende molto facile per il genitore affidatario cancellare completamente l'altro genitore dalla vita del bambino. E i tribunali non faranno assolutamente nulla.

Infatti, solo il 31% dei bambini che vivono con le madri single sono in contatto con i loro padri, e il 48% che vivono con i padri single sono in contatto con le loro madri. E questo è solo "in contatto" e non misurare la frequenza di contatto, che può essere minima.

I tribunali della famiglia giapponese - a torto - presumono che sia nel migliore interesse del bambino rimanere nel loro ambiente o casa. Non considera affatto l'importanza che un bambino veda entrambi i suoi genitori. Poiché i padri spesso lasciano la casa dopo il divorzio e le madri rimangono nella casa di famiglia, alle madri viene quasi sempre concessa l'affidamento completo.

Ancora più allarmante è che quando il genitore con cui vive il bambino si risposa, il nuovo coniuge può adottare quel bambino senza nemmeno avvisare o ottenere l'approvazione dal genitore biologico del bambino.

Questo sistema è alimentato dalla corruzione in quanto i professionisti legali beneficiano finanziariamente di pagamenti più elevati per il mantenimento dei figli che avvengono sotto l'affidamento unico.

C'è un genitore che ha tentato il suicidio solo perché il tribunale non accetta la sua richiesta. Ha l'illusione che la corte si schieri con la squadra di sua moglie. È davvero fastidioso per noi che si senta disperato e salti da una finestra del tribunale. Non farlo all'interno del tribunale, perché è fastidioso pulire. Oh, per favore fallo dove vuoi purché lo fai fuori dall'area del tribunale ... hahahaha

Unnamed judge in response to a suicide attempt of left behind parent Tweet questo
Masako Suzuki Akeo (53) ha l'affidamento congiunto del figlio di 16 anni in Canada, dove è nato. Dopo aver divorziato dal marito giapponese, ha avuto anche l'affidamento congiunto in Giappone. Tuttavia, il tribunale della famiglia di Tokyo ha cambiato questo status, assegnando l'affidamento esclusivo al suo ex marito. Suo figlio è stato rapito dal padre dal Canada al Giappone all'età di 11 anni. Poi è scomparso. È riuscita a incontrarlo solo due volte negli ultimi 8 anni. Dopo averlo visitato nella sua scuola nell'ottobre 2009, è scomparso. Essendo stato negato il diritto di visita dall'Alta Corte di Tokyo, si appella alla Corte Suprema. Ha fondato Left Behind Parents Japan nel giugno 2009 e sostiene attivamente gli LBP in tutto il mondo. Mazako è purtroppo morta nel 2019 dopo aver trascorso quasi tutta la sua vita adulta cercando di riunirsi con suo figlio. Merito: cargocollective.com
Akio Yokota (37) non ha avuto contatti con suo figlio per sei mesi dopo che sua moglie lo ha lasciato nel novembre 2010. Lo ha accusato di violenza domestica, un'affermazione che rifiuta completamente. Durante i sei mesi di separazione dal figlio, soffrì di depressione, paranoia e tendenze suicide. Attualmente gli è permesso vedere suo figlio, che presto avrà 2 anni, per un'ora al mese, un accordo che gli porta poco conforto. Addendum: Yokota-san si è tolto la vita il 12 settembre, circa quattro mesi dopo lo scatto di queste foto. Merito: cargocollective.com

La prima cosa che devi fare per lottare contro tuo marito per ottenere la custodia del bambino è prendere tuo figlio quando esci di casa.

Lawyer's advice to Japanese mothers in a local magazine. Tweet questo
Masahiro Yoshida era fuori a lavorare quando la sua ex moglie se ne andò improvvisamente con la figlia di 2 anni nel 2008. In seguito a ciò, la sua ex moglie ha fatto tre accuse di violenza domestica contro di lui. I tribunali non hanno condotto alcuna indagine sulla veridicità di queste affermazioni, anche se sua figlia viveva nelle vicinanze di Yokohama. Ha perso la custodia dei genitori (shinken) due anni dopo, non avendo visto sua figlia per tutto quel tempo. Dopo un periodo di riconciliazione, gli è stato nuovamente negato l'accesso a sua figlia. Quando ha cercato di portarla fuori dalla scuola materna, è stato arrestato e trattenuto per 23 giorni con l'accusa di rapimento. Ha incontrato sua figlia solo poche volte negli ultimi quattro anni e mezzo. Addendum: Yoshida-san è attualmente detenuto nella prigione di Matsuyama in attesa di processo per aver tentato di rapire sua figlia. Merito: cargocollective.com

I bambini crescono in povertà

Esiste una forte connessione tra la legge giapponese sull'affidamento unico e la povertà infantile. Il 56% dei bambini che vivono in famiglie monoparentali vive sotto la soglia di povertà in Giappone. Questo è il tasso più alto tra tutti i paesi OCSE. Questi bambini vivono con un reddito di circa $ 900 al mese in un paese con uno dei costi della vita più alti al mondo. Cosa significa per un bambino vivere in povertà? Significa che i bambini non possono mangiare a sufficienza, non possono andare dal medico quando necessario, forse essere costretti a lavorare per provvedere alla famiglia, non poter accedere a buone scuole o sostegno accademico e, a lungo termine, i bambini non sono in grado di sfuggire alla povertà.

Come mai la terza economia mondiale e uno dei maggiori paesi donatori consente ai propri figli di crescere in condizioni così spaventose?

Rendimento scolastico

Gli effetti di crescere senza un genitore vanno oltre la casa con i bambini giapponesi che pagano il prezzo a scuola e, in definitiva, per tutta la loro vita. Studi accademici hanno dimostrato che i figli di madri single ottengono risultati significativamente peggiori a scuola rispetto a quelli che vivono con madri sposate.

Ciò non sorprende, poiché le madri single guadagnano meno e quindi sono meno in grado di permettersi scuole di alta qualità e le cosiddette scuole cram, rispetto alle madri sposate. E in un paese in cui il genitore non affidatario non ha diritto ai propri figli, è difficile convincere quel genitore a pagare il mantenimento dei figli. In definitiva, questo significa che il bambino rimane indietro a scuola.

In che modo questa disuguaglianza nell'istruzione influenzerà questi bambini giapponesi man mano che crescono e entrano nel mondo del lavoro?

Benessere e salute

Analogamente al rendimento scolastico, il benessere e la salute complessivi dei figli di famiglie monoparentali sono peggiori. Ciò è stato confermato da madri single che hanno partecipato a uno studio accademico e sono state invitate a segnalare lo stato di salute dei loro figli.

Lo stress di essere una madre single porta a livelli significativamente più bassi di felicità, salute auto-valutata e benessere emotivo tra le madri single. Questo, a sua volta, influisce sulla genitorialità e può portare i bambini ad avere un livello di benessere inferiore. Queste madri single devono lavorare all'infinito per provvedere ai propri figli e, data l'intensità della cultura del lavoro giapponese, devono trascorrere la maggior parte della giornata fuori casa al lavoro. Ciò significa che questi bambini vengono lasciati a casa, soli, nell'oscurità; Senza entrambi i genitori e senza l'amore di entrambi i genitori.

La visita genitore-figlio non è importante.

Ruling of the Tokyo High Court who overruled the so-called friendly parent rule. Tweet questo
Tadatsugu Kondo (45) non ha incontrato i suoi tre figli dalla fine di marzo 2011, quando sua moglie ha preso le sue due figlie (7 e 8) e il figlio di 5 anni. Attualmente sta combattendo in tribunale per ottenere la custodia di loro. Sebbene sua moglie non veda alcun problema nel suo rapporto con i suoi figli, per i quali lui adora, gli rifiuta l'accesso e sta cercando il divorzio. Merito: cargocollective.com
Yuka Yamanaka (37) ha divorziato dal marito americano nel 2007. Da allora, ha rifiutato di permettere ai suoi figli di 9 e 13 anni di trascorrere del tempo con la madre in Giappone perché teme che lei li rapirà. Il caso di Yamanaka è uno dei pochi che beneficerà direttamente della firma della Convenzione dell'Aja sui rapimenti da parte di Tokyo.

Esiste un consenso comune tra gli avvocati nei casi di divorzio che coinvolgono un conflitto per l'affidamento: il primo passo è mettere in sicurezza il bambino con il cliente.

The Research Institute of the Japan Federation of Bar Association Tweet questo

Abusi sui minori

Il 2020 ha visto un altro record spaventoso stabilito in Giappone: il maggior numero di bambini sottoposti ad abusi. E questi sono solo dati riportati. 2.172 bambini hanno subito abusi nel solo 2020 e il numero di bambini indirizzati ai centri di assistenza all'infanzia è aumentato del 21% rispetto al 2019. Questa è solo un'altra indicazione di come il governo giapponese non riesca a proteggere i suoi cittadini più vulnerabili: i propri figli.

Gli autori di questo abuso sono quasi sempre i genitori: genitori biologici, genitori adottivi o genitori adottivi. La legge sull'affidamento unico del paese è in parte responsabile di questo, poiché quando ai bambini viene concesso il diritto a due genitori nella loro vita, ci sono responsabilità e controlli per entrambi i genitori. Ciò renderebbe molto più difficile gli abusi sui bambini. Ma quando un genitore ha la custodia esclusiva di un figlio, quel bambino ha un numero limitato di persone a cui rivolgersi per chiedere aiuto.

Perdita dell'intera famiglia

Perdere un genitore è come perdere metà della propria identità. Questi bambini perdono una serie di nonni, zii, zie e cugini e senza una buona ragione. Quando il bambino alla fine - se lo è - si è riunito con il genitore lasciato indietro, non è scontato che la loro relazione sarà normale. Possono volerci anni per ristabilire i legami ea volte non vengono mai ristabiliti, anche quando il bambino è diventato un adulto, lasciandolo per sempre senza un secondo genitore.

Salute mentale

Il suicidio è la principale causa di morte tra i bambini in Giappone e nel 2020 il suicidio in età scolare ha raggiunto il record con quasi 500 bambini che si suicidano. I problemi familiari e l'essere rimproverati dai genitori sono i motivi più comuni conosciuti per il suicidio di un bambino, indicando l'effetto potenzialmente fatale che l'affidamento unico ha sulla vita dei bambini.

Anche i genitori lasciati soffrono molto di depressione e persino di suicidio dopo il rapimento dei loro figli. Akio Yokota si è purtroppo tolto la vita dopo che a sua moglie è stata concessa la custodia esclusiva del loro giovane figlio dopo il divorzio. La sola ora al mese che gli era permesso di vedere suo figlio non era sufficiente e lo faceva soffrire di depressione.

FAQ

Contenuto relativo

Our goal is to empower individuals around the world through AI technology as a tool to find and reconnect with their families.

By using our site, you agree to our privacy policy and terms.
© 2021 | 740 JARVIS DR. MH, CA 95037 | FIND MY PARENT, Inc., a CA PUBLIC CHARITY, C4616619.